Pagina:De Amicis - Il romanzo d'un maestro, Treves, 1900.djvu/303

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Il collega Labaccio 41

capitare. Avrebbe voluto che al suo amico Ratti fosse toccata la stessa fortuna.

Il Ratti gli tagliò la parola per congratularsi della sua menzione onorevole.

Egli fece un atto di modestia. — M’ha proposto il regio provveditore di Torino, — disse, preparandosi il condimento per i peperoni. — I premi erano ventitrè, aggiudicati ai maestri rurali benemeriti di ventitrè circondari del Regno. Io non ci speravo menomamente, tant’è vero che sono il più giovane dei premiati, che son quasi tutti vecchi, e non saprei proprio a che cosa attribuire... salvo il caso che abbiano tenuto conto.... Assisteva alla distribuzione sua altezza il duca d’Aosta, sua eccellenza il ministro... il presidente della Consulta... una folla di personaggi. Sua eccellenza il ministro aggiunse alla menzione una cartella del debito pubblico della rendita di lire cinque.

— Insomma — gli disse il Ratti — tu sei un uomo contento.

— Non sono contento, — quegli rispose; — mi contento. C’è una differenza. Ma perchè — gli domandò dopo un momento — non fai cuocere questi peperoni gialli? — E gli disse in che maniera si cuocevano. Si mettevano ad arrostire sulla brace, posati sulle molle, fin che fossero neri affatto, e avessero dato fuori tutta l’acqua, poi si sbucciavano, si tagliavano a strisce sottili nella direzione della lunghezza, e così, conditi con olio, pepe e sale, erano eccellenti: pareva di mangiar delle fette di vitello, del più tenero.

— Ma! Tu ti contenti — gli disse il Ratti, ripigliando il discorso interrotto — perchè sei capitato bene. Ma se ti fossi imbattuto in certi tipi di sindaci, di parroci, di soprintendenti.... Ah mio caro, lasciami pur dire che, salvo le eccezioni, abbiamo scelto una gran povera carriera.

— Sì, certo, — rispose l’amico pacatamente — una povera carriera. Ma lasciami dire anche.... Io non parlo per te; questo si sottintende. Voglio dire che molto dipende anche dal sapersi regolare. I maestri dicono, dicono. Hanno ragione. Ma siamo giusti: tu l’avrai visto: ce n’è di quelli che si mettono dalla parte del torto. Si presentano nei comuni con delle arie.... Al minimo urto, alzan tanta polvere, come se avessero