Pagina:De Amicis - Marocco.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
302 fez


prannaturali, che facciano quello che fanno, senz’aiuto d’ordigni! — Selam rise, essi sospettarono la celia, e allora m’ingegnai di spiegare il meccanismo nascosto; ma mi parve che ne capissero poco. Domandarono poi, andandosene, se i cristiani mettevano quella molla nei cappelli «per ricreazione.» — E tu, domandai a Selam — che cosa ne dici di questi arnesi? — Dico, — rispose con un’alterezza sprezzante, appuntando il dito contro il cappello, — che se dovessi vivere cento anni nei vostri paesi, forse, a poco poco, adotterei la vostra maniera di vestire, — le scarpe, la cravatta ed anche i brutti colori che piacciono a voi; — ma quell’arnese lì, — quella orribile cosa nera... ah! Dio m’è testimonio che vorrei piuttosto la morte!