Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 ricordi di parigi.


pore alle macchine motrici; il lavoro titanico delle trenta macchine motrici che trasmettono la vita a tutte le macchine dell’Esposizione; il mo­vimento continuo delle formidabili trombe aspi­ranti che assorbono dei torrenti dalla Senna e li rispandono, per un labirinto di canali e di ser­batoi sotterranei, ai condotti del Campo di Marte, ai bacini, alle fontane, agli acquarii, agli ascensori delle torri, alla cascata del Trocadero; rap­presentarsi la rete infinita di strade ferrate che coprì quello spazio durante i lavori di costruzione, e le macchine innumerevoli che aiutarono le braccia dell’uomo al collocamento delle cose enormi; poi richiamare alla mente il lavoro immenso e febbrile dell’ultimo mese, un esercito d’operai d’ogni paese, formicolanti sull’orlo dei tetti, sulla sommità delle cupole, nelle profondità della terra, sospesi alle corde, ritti sulle impalcature vertiginose, a gruppi, a catene, a sciami, di giorno, di notte, al lume delle fiaccole, al bagliore della luce elettrica, in mezzo a nuvoli