Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

vittor hugo 135


II.

Io credo, esprimendo quello che penso di Vittor Hugo, d’esprimere presso a poco quello che ne pensano tutti i giovani del mio tempo. Non c’è nessuno di noi, certamente, che non si ricordi dei giorni in cui divorò, giovanetto, i primi volumi dell’Hugo che gli caddero fra le mani. È stata senza dubbio per tutti una emozione nuova, profonda, confusa, indimenticabile. Tutti ci siamo domandati tratto tratto, interrompendo la lettura: — Che uomo è costui? — Nello stesso tempo dolce e tremendo, fantastico e profondo, insen­sato e sublime, egli mette accanto a una stram­beria rettorica che rivolta, la rivelazione d’una grande verità che fa dare un grido di stupore. Colla stessa potenza ci fa sentire la dolcezza del