Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

vittor hugo. 153


pesa su tutte le opere sue. Anche nella sua grande e costante aspirazione alla virtù, alla concordia, alla pace, alla redenzione degli oppressi e degli infelici, v’è qualcosa di malinconico e tetro, come se le mancasse l’alimento della speranza. Tutti i suoi libri terminano con un grido stra­ziante. Tutte le voci che escono dalle sue opere formano, riunite, un lamento solenne, misto di preghiera e di minaccia. La sua stessa credenza in Dio, quella ch’egli chiama la suprema certezza della sua ragione, è forse piuttosto un’aspirazione potentissima del suo cuore e un pascolo immenso della sua immaginazione smisurata, che una fede ferma, in cui la sua anima si riposi: la fede è una sorgente, a lui necessaria, di torrenti di poe­sia, e Dio è un personaggio dei suoi romanzi e dei suoi canti. Da qualunque lato si guardi, ap­parisce in lui qualcosa di strano e di non chia­ramente esplicabile. L’uomo non emerge netto dallo scrittore. Si stende la mano a toccarlo, e invece della carne umana, si sente una sostanza