Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 ricordi di parigi


riga d’ombra; ci si ritroverebbe una spilla. Tutti i visi sono rischiarati. Si vede la propria imma­gine riflessa da tutte le parti. Si vede tutto, in fondo ai caffè, sino agli ultimi specchi delle sale riposte, incisi dai diamanti delle belle peccatrici. Nella folla abbonda il bel sesso che di giorno pareva sopraffatto e disperso. Gli sguardi languidi e interrogativi s’incrociano e gareggiano. Da­vanti a ogni caffè c’è la platea d’un teatro, di cui il boulevard è il palcoscenico. Tutti i visi sono rivolti verso la strada. Ed è curioso: fuor che le carrozze, non si sente nessun forte rumore. Si guarda molto e si parla poco, o a bassa voce, come per rispetto al luogo, o perché la gran luce impone un certo riserbo. V’è una specie di si­lenzio signorile. Andate innanzi, innanzi, sempre in mezzo a un incendio, tra una folla immobile e una folla seduta, e vi sembra di passare di sa­lone in salone, in un immenso palazzo scoperto, o per un seguito di vastissimi patios spagnuoli, fra le pompe d’una veglia, in mezzo a un milione