Pagina:De Amicis - Spagna, Barbera, Firenze, 1873.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

barcellona. 19

buio: segno che ci si ha da mettere una cassa nella giornata. La famiglia del morto deve pagare un tanto all’anno per quello spazio: quando cessa di pagare, la cassa vien tolta di là e portata nella fossa comune del camposanto dei poveri a cui si giunge per una di quelle strade. Mentre ero là, fu fatta una sepoltura: vidi in lontananza mettere la scala, e sollevar su la cassa, e tirai via. Una notte un pazzo si cacciò in uno di quei fori vuoti: passò un guardiano del cimitero con una lanterna, il pazzo mandò un grido per fargli paura, e il pover’omo cadde a terra come fulminato, e fece una malattia mortale. In una nicchia vidi una bella treccia di capelli biondi, che erano appartenuti a una ragazza di quindici anni, morta annegata, e c’era cucita una cartolina con su scritto: — Querida! — (Cara!) — A ogni passo, si vede qualcosa che colpisce la mente ed il cuore: tutti quegli oggetti fanno l’effetto d’un mormorìo confuso di voci di madri, di spose, di bambini, di vecchi, che dicano sommessamente a chi passa: — Son io! Guarda! — Ad ogni crocicchio sorgono statue, tempietti, obelischi, con iscrizioni in onore dei cittadini di Barcellona che fecero opere di carità durante l’infierire della febbre gialla nel 1821 e nel 1870.

Questa parte del Cimitero, fabbricata, se così può dirsi, a città, appartiene alla classe media della popolazione; e confina con due vasti recinti, uno destinato ai poveri, nudo, piantato di grandi croci nere; l’altro destinato ai ricchi, più vasto anche del primo, coltivato a giardino, circondato di cappelle, va-