Pagina:De Cesare - Roma e lo Stato del Papa I.djvu/278

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
260 capitolo xiv.

vescovi. Sopravvive monsignor Foschi, pastore di Cervia, allora chierichetto ventenne, e qualche altro. A titolo di lode, deve ricordarsi, che i due maggiori cittadini di Cesena, Maurizio Bufalini e Zeffirino Re, richiesti della loro collaborazione, rifiutarono di segnare i propri nomi nell’adulatorio volume.

Il Papa, partendo, lasciò trecento scudi ai poveri, una pianeta di lamina d’argento alla cattedrale, dette alcune decorazioni, e distribuì qualche dozzina di papetti, nuovi di zecca, ai ragazzi, che, vestiti da angioli, gli offrivano dei fiori, loro dicendo: tenete il mio ritratto in memoria mia. Questo particolare si trova nelle memorie della Zelinda Fattiboni, da me consultate nella stessa biblioteca comunale. A Cesena si notò che il Papa portava seco le ostie, ed il vino per la messa, forse per premunirsi da qualche possibile avvelenamento.


*


La sera del 3 giunse a Forlì. Sull’arco trionfale, eretto all’ingresso della piazza, si leggeva questa epigrafe:


PII IX P. M.
desideratissimo adventu
forum livii beante


Altre iscrizioni erano sulla porta del duomo, dell’ospedale, del palazzo comunale e di finanza, e sulla porta Schiavonia.

Essendo corsa voce che il Papa, nel momento che si presentò sulla terrazza dell’odierno palazzo comunale, dove alloggiò, e che allora era sede del delegato apostolico, fosse stato accolto da fischi, volli interrogarne il mio compianto amico professore Mazzatinti, il quale, sulla testimonianza del signor Apelle Santarelli, colonnello a riposo, ch’era presente alla benedizione, dà al fatto questa più modesta versione: che, cioè, essendosi, in mezzo alla folla, tentato da taluno di provocare un applauso, gli fu da alcuni liberali ricalcato in capo il cappello a cilindro; ciò che naturalmente lo persuase a desistere dal suo tentativo; nè sì seppe chi egli fosse. Altri particolari, non interessanti, si leggono nella cronaca inedita del Calletti, che va dalle origini della città al 1860. Il Papa visitò il seminario; e qui dal-