Pagina:De Joinville, Galvani - La sesta crociata - 1872.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

lezione preliminare. li

tostochè dell’antico modo, egli si sovvenisse del più moderno uso delle lingue di Francia1.

Nè mi sembrano da trascurarsi dall’istorico delle lingue queste tali distinzioni sebbene minute e fuggevoli, giacché per esse si può render conto istorico di talune apparenti anomalie. E per esempio lor, lour, lur furono regimi dei verbi, mentre

  1. Quest’uso trova però le sue ragioni nelle voci lui o lei, che regolarmente avrebbero dovuto designare soltanto i regimi indiretti di egli e di ella, sebbene poi in fatto, massime ne’ dialetti nostri, servissero e servano per tutti i casi, movendo allora per aferesi non dalla forma comune eille od ille ma dalla composta eillus (od eille-is) eilla (eille-ea) eillud (od eille-id). Lui e lei si trovano anche in altri romanzi dopo i verbi come forme speciali del caso attributivo, e quindi non bisognose di segnacaso, giacché il dativo comune a tutti i generi illi od illii sembra che nel volgare, per distinzione e per ricordo del genitivo illius si pronunciasse più chiusamente illui nel maschile, rimanendo illei, (da ille-ei) pel femminile. Leggiamo infatti in lingua d'oc: (Adelaide di Porcairague.)

    Vas Narbona portatz lai
    Ma chanson ab la fenida
    Lei cui jois e jovens guida.

    cioè — Verso Narbona portate là la mia Canzone, colla Licenza, a lei cui gioia e giovinezza guida

    Mas liey non cal si m pert, per qu’ieu no m duelh.

    cioè — Ma a lei non cale se mi perde, per che io non me ne dolgo.

     
    Cais qua non tanh selui chan ni trobarz
    Cai ten estreg vera religios.

    cioè — quasiché non convenga a colui canto nè trovare cui tiene istretto vera religione.

    Così presso i nostri ducentisti, e specialmente presso Guittone d’Arezzo, fu della forma vo-i, dall’antico vois (vobis) che valse senz'altro a voi; e di no-i che anche in Dante non provenne da nos, ma da nois (nobis.)

    Per grazia fa noi grazia che disvele
    A lui la bocca tua....
    Non è l’affezion mia tanto profonda
    Che basti a render voi grazia per grazia.