Pagina:De Marchi - Demetrio Pianelli, 1915.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 109 —

razione, e la morte rabbiosa che aveva fatto. Egli avrebbe potuto rispondere:

— Non vi conosco....

Oppure:

— Non ho tempo!

Ma bisognerebbe in certi casi avere un sasso al posto del cuore, o credere che al disopra delle tegole non ci sia che aria, fumo, e nient’altro.

In questi pensieri fece tutta la strada, sforzandosi inutilmente di preparare un esordio alla sua predica.

Stava per andar su, quando il Berretta, il portinaio:

— Ehi! ehi! — lo chiamò indietro.

Si voltò e vide in compagnia del sarto un uomo di mezz’età, scuro di pelle, torbido come il temporale, con due folti sopraccigli neri, che il Berretta presentò come el sor ragionatt.

— L’è lui il fratello del defunto? — domandò la degna persona, aggrottando i sopraccigli di carbone, mentre colle mani dietro la schiena faceva girare una bella canna colla punta d’avorio.

— Perchè? — chiese Demetrio, con un piede su un gradino, l’altro su un altro.

— Dimando se l’è lui.... — tornò a dire con impazienza il signor Maccagni, con un viso d’uomo nauseato.