Pagina:De Marchi - Milanin milanon.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 27 —


Se fuss in confidenza con sti sciori, come sont col Signor di poveritt, vorria pregai in milanes, e magari anca in frances, de guardà se non gh’han de la roba un poo strasciada, usada, ona coverta, on para de calzett minga tropp fin, on gipponin, on pedagn desmiss, di scarp andaa, strasciaa, o in mancanza de quest se gh’è in cusina on tocch de pan de quell che mangien lor con la pitanza.

Al Laghett, in Verzee, alla Vettabbia, in di Fabbri, sui Terragg del Navili, in la stretta Calusca, in di Och, in di Ort, in di Borgh, dove gh’è di ringher, di scalètt, di cà rott, di tann, di bûs, di trappol, di tanabûs e calcatrappol, ghe sta ona gent strasciada che ciappa tutt, che spetta tutt, gelada, sperlusciada, che mangia meneman i scarp strasciaa col pan, e mangia el pan cont on’oggiada.