Pagina:De Roberto - Documenti Umani.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

xv

solo nel dialogo, ma nella descrizione e nella narrazione ancora.

Per venire ai presenti Documenti umani — Ella troverà che ho divagato un po’ troppo — questa che io chiamerei localizzazione artistica vi manca. In alcuni racconti non è neppur detto il luogo dove l’azione si svolge; là dove è detto, potrebbe essere spostato impunemente. È naturale: se si vuole un modello che convenga a tutti, bisognerà sacrificare la precisione. E vede come la differenza dei punti di partenza si trascina dietro la differenza dei processi? Nelle novelle realiste della Sorte io dovevo descrivere delle varietà di costumi: i miei personaggi erano diversi, necessarii, tipici, l’osservazione esteriore era minuziosa; in queste novelle ideali ho dovuto notare delle gradazioni di sentimenti: i personaggi sono dei prestanome, si rassomigliano un po’ tutti; l’analisi psicologica soverchia ogni cosa.

L’analisi psicologica! Se ne ragionassimo un poco? In che cosa consiste essa? Essa consiste nell’esposizione di tutto ciò che passa per la testa ai personaggi, delle loro sensazioni, dei loro sentimenti e delle loro volizioni. Dato un personaggio con un certo carattere e messo in presenza di una certa situazione, l’analisi psicologica consiste nel rintracciare tutti i movimenti interiori di questo personaggio, come egli apprezzi questa situazione, che cosa essa gli suggerisca, quali partiti gli si presentino per uscirne, e per quale trafila di impulsi e di ragionamenti egli si apprenda all’uno piuttosto che all’altro. Alcuni scrittori eccellono in questo genere: Paolo Bourget specialmente, pel cui ingegno io professo una grandissima stima. Quando però si è letta una di queste pagine così precise, in cui l’azione del personaggio è legittimata da cento motivi uno più sottile e più profondo dell’altro, vien