Pagina:De Roberto - Gli amori.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IL SOSPETTO


   Amica mia,

Siamo alle solite! Noi non riusciremo a metterci d’accordo mai. Non neghiamo i fatti, non ne disconosciamo il significato, ma diamo ad essi un diverso valore: ciò che io considero come regola, a lei pare eccezione, e viceversa.

E se provassimo un poco a rammentarci di quel precetto secondo il quale ogni eccezione è conferma della regola? Ecco qui, per esempio: ella se la prende un’altra volta con me perchè «sfondo le porte aperte.» Dovendo provarle che, in amore, gli uomini mettono sentimenti rari, forti, delicati; dovendo darle una prova della poesia con la quale essi sanno condire le cose meno poetiche, le ho narrato l’avventura d’uno dei più insigni poeti, di un Principe del Pensiero. «Che Sua Altezza sia tant’alta non è da stupire! Ma per un Principe capace di fare ciò che m’avete riferito, che spaventevole numero di borghesi bassissimi ed infimi i quali non amano — cercate un’altra parola! io non voglio profanar questa usandola a tale proposito! — se non nei luoghi dove il vostro cavaliere fece la