Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
160 due civiltà

decisi a lasciarsi invadere dal cavallo di fuoco; e veramente non si può farne loro una colpa, se si pensa che lo stesso Istituto di Francia rifiutò di ammettere la scoperta di Fulton, relativa all’adattamento del vapore alla locomozione delle navi. Essi meritano pure altrettanta indulgenza quanta i dotti dell’Accademia..».

Noi non staremo a confutare il bravo colonnello; ma vedete che egli è a giorno delle nostre cose molto meglio che noi delle sue. Quando parla dei proverbî cinesi, concettosi e pratici, in gran parte simili agli europei, — giacchè l’uomo, chi ben guardi, è sempre e dovunque lo stesso, — egli dice che ve ne sono alcuni capaci di offendere le orecchie francesi, e soggiunge che non li ha tradotti non conoscendo abbastanza il latino da poterli travestire. «Ma forse un giorno mi deciderò a riparlarne, quando avrò letto Rabelais...».

Tcheng-ki-tong ha trovato i massimi soggetti di stupore in società, nella buona società. Se un attore è invitato in un salotto parigino, ha il posto d’onore; i gentiluomini e gli accademici passano in seconda linea. «In Cina noi osserviamo un’etichetta rigorosa. Mi dicono che rispettarla, in Francia, non è ben fatto: lo credo...». E l’assalto dei buffets, nelle grandi feste ufficiali! Un Cinese che osservasse le cose d’Europa con