Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

due civiltà 167

«destinazione». Nel Ta-Hio è detto: «L’uccello giallo mien-män dal canto lamentoso stabilisce la sua dimora nelle folte cavità delle montagne. Il filosofo ha detto: nel fissar lì la propria dimora, esso dà prova di conoscere il luogo della sua destinazione; e l’uomo sarà da meno dell’uccello?» La «destinazione» dell’uomo è indicata dalle inclinazioni naturali; perchè ciascuno consegua la propria, bisogna «non snaturare le inclinazioni rette, come quella che ci fa evitare un odore sgradevole e amare un oggetto piacevole e seducente». E la prima inclinazione, la più retta, la fondamentale, è quella che unisce la madre al figlio e il figlio alla madre. Tutte le madri, senza che nessuno le ammaestri, hanno gli stessi sentimenti verso la prole; tutte intendono e contentano i loro piccoli prima ancora che questi sappiano significare i loro bisogni: i cuori delle madri e dei figli sono uniti dal più saldo legame. Su questo legame è fondata tutta quanta la morale sociale, politica e individuale dei Cinesi: i sentimenti materni e filiali si debbono estendere ai prossimi, a tutti quanti gli uomini; il principe dev’essere «la madre» dei suoi popoli. «Tutti dicono: l’impero, il regno, la famiglia. La base dell’impero esiste nel regno, la base del regno esiste nella famiglia, la base