Pagina:De Roberto - Il colore del tempo.djvu/188

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
180 vincitori e vinti

putente di carbon fossile, chimicamente barbara; e i nemici d’Oltremare hanno più denaro, più macchine, più petrolio...». Nondimeno, nel veder sfilare i soldati spagnuoli, «eroici sempre», prevede che gli Americani potrebbero ancora aver la peggio, e che forse dovranno provare qualche sanguinosa sorpresa. E grida: «Ollè, ollè, viva la vecchia Spagna, addormentata soltanto sotto la Spagna d’oggi, capace ancora di ridestarsi per una poesia, per una canzone, per una furia di chitarre...».

Con meno eleganza di stile, le simpatie del romanziere per la Spagna furono espresse da moltissimi altri, l’anno scorso, in tutta l’Europa latina. Non furono tutte simpatie platoniche, si raccolsero anche denari: io conosco un ragazzetto di dieci anni che andò attorno con la sua brava scheda di sottoscrizione e mandò al ministro della guerra, a Madrid, un vaglia di dodici lire.

Molte cose spiegano questa simpatia. Tra i Latini, il sentimento dell’affinità di razza; tra i Latini e i non Latini la mancanza di cerimonie nella sfida americana, il presentimento che gli Spagnuoli fossero più deboli, e che dovessero quindi fatalmente soccombere nella lotta ineguale; e da ultimo la secreta paura che un giorno o l’altro gli Americani possano far sentire la loro potenza al resto d’Europa.