Pagina:De Roberto - La Messa di nozze.djvu/330

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


anche, crede lei che il disgraziato si sorregga ancora?

— No, comandante.
— Possiamo arrischiare altre vite, senza speranza? Si sente di ritentare

la prova?

— È impossibile.
— Non si può far nulla per quell'infelice. Chi è?

All'improvvisa domanda, Barbarini, avvezzo ai pericoli, rotto alle durezze della disciplina, si sentì stringere la gola.

— Non ho potuto assicurarmene.

Vi fu una pausa; poi il comandante riprese:

— Chi era di servizio alle áncore?
— Suo figlio,
— Egli deve sapere chi abbiamo perduto. Dov'è?
— Non so....
— Lei non era sul castello! Non lo ha visto?
— No.

Il padre tacque ancora un momento; di repente, stringendo con tutte e due le mani la battagliola, tendendo il capo ed il corpo, sporgendosi tutto nel vuoto, gridò:

— Gigio!... Gigio!...

Nessuno rispose. Non una voce, sulla nave inerte, in preda alla tempesta e popolata