Pagina:De Sanctis, Francesco – Giacomo Leopardi, 1961 – BEIC 1800379.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XXXVII

«SILVIA»

Riacquistata la virtù della rimembranza, il poeta riandava sé stesso, e, indietro indietro, gli veniva innanzi la prima età de’ «dolci affanni» e dei «teneri moti», nella quale nazioni e individui sono felici, perché credono alle illusioni, concetto da lui più volte espresso in verso e in prosa. L’immaginazione, uscita più potente dopo il lungo torpore, gli rifà viva la memoria di quella età. Forse, in quella «Via delle Rimembranze», passeggiando tutto solo, dovea dire a sé stesso: — Ero felice allora! e anche lei! e tutto finì — . Il sentimento che accompagna questa memoria, è malinconia dolce, con quella lacrima, che è refrigerio. Perché, se la felicità è passata, pure è un passato vivace, che egli può riafferrare e godere, in immaginazione, quasi presente. Così vengon fuori de’ versi «all’antica e col cuore di una volta».

Riandando anche noi i suoi versi, eccoci innanzi la Sera del dì di festa. La festa è passata:

    ... ed al festivo il giorno
Volgar succede, e se ne porta il tempo
Ogni umano accidente.

Il motivo è l’eterno sparire nel breve apparire, la fuga delle cose. E, nel breve apparire, c’è lei, creatura ingenua, che è stata alla festa:

    ... e forse ti rimembra
In sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
Piacquero a te.