Pagina:Deledda - Amori moderni - Colomba, Roma, Voghera, 1907.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

colomba 151


D’altronde non vedeva senza dispiacere avvicinarsi la fine della vacanze, e diceva a sè stesso:

— Io me ne andrò, e lascerò tutto ciò che è fresco, sano, sincero, per tornare nella falsità corrotta del mondo. Perchè non potrei sposare Colomba e condurla con me? È la sola donna che mi ama e mi amerà sinceramente. Non è povera, non è stupida: che pretendo io? Sono un uomo stanco e finito; credo poco alla passione, alla felicità, ma forse troverei un po’ di pace stando vicino ad una persona che si incaricasse di vegliarmi come un bimbo, di pensare per me