Pagina:Deledda - Il flauto nel bosco, Treves, 1923.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Giustizia divina.

A questo fatto straordinario ho proprio assistito io, — raccontò un vecchio a noi donne sedute all’ombra della capanna da bagno c ad una raggiera di ragazzi e giovani seminudi sdraiati intorno, pancia a terra, col corpo nel sole e la testa nell’ombra.

— Da giovane mi divertivo acl assistere ai dibattimenti nella Corte d’assise.

Non c’è luogo al mondo dove la vita si conosca meglio, in tutta la sua miseria c la sua passione e, a volte, anche nella sua grandiosità. Vi racconterò, adesso che abbiamo tempo, alcune di queste storie: e oggi voglio cominciare con una che ancora, alla distanza di mezzo secolo, mi turba e m’impressiona, c della quale mi sono ricordato in molte circostanze.

Al banco degli accusati, dunque, sedeva un uomo anziano, vestito di nero. Dopo le solite formalità, fu invitato a parlare. Si alzò lentamente; era allo, scuro nel viso così scarno che le guancie pareva si toc