Pagina:Deledda - Il flauto nel bosco, Treves, 1923.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Il cipresso.

Un giovane cipresso cresceva rasente al muro divisorio fra il nostro e l’orto del vicino.

Questo vicino era l’uomo più metodico e tranquillo che vivesse in tuLta la contrada.

Sebbene ricco era impiegato del Comune, e quattro volte al giorno lo vedevo passare, quando andava e ritornava dal suo ufficio, in modo che da lui si sapevano le ore; anche le stagioni si conoscevano dal suo vestito, nero d’inverno, grigio di primavera e d’autunno, e giallo, di tela grezza, d’estate.

Come fosse il suo viso, a dir la verità;, non lo so: so che si parlava spesso eli lui, in casa, con ammirazione un po’ condita d’ironia c d’invidia, additandolo come l’esempio perfetto dell’uomo normale, quieto, senza vizi: per questo non mi interessava.

M’interessava solo quando, di tanto in tanto, andava a caccia: perchè era un famoso cacciatore di cinghiali mufloni e cervi.