Pagina:Deledda - Il nonno, 1908.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Novella sentimentale.

Notte stellata e cheta
piena di dolce incanto
perchè io pure lieta
di sogni non ti avrò?
     
Perchè laggiù i felici
dormono amati, e intento
a me, notte, tu dici
che qui io morir dovrò?


Un piccolo soldato bruno s’avvicinò al portone della caserma, canticchiando questi versi su un’ aria della Sonnambula. Suo malgrado Serafino si voltò, stupito perché in quel momento, come del resto gli accadeva spesso, egli pensava al suicidio. Questa idea, che pare terribile solo a coloro che non si suicideranno mai, era per Serafino una specie di sollievo.

— Perché vivere? - egli pensava. - Ho vent’anni e sono povero, anemico, infelice. Non ho ingegno, nè volontà, nè fortuna. Una volta ho scritto una novella, ma il giornale a cui l’ho mandata me