Pagina:Deledda - Il nostro padrone, Milano, Treves, 1920.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 195 —


Ella a sua volta promise:

— Vedrai che ciò non accadrà. Te lo prometto io. — E si fece il segno della croce con la medaglietta del rosario, come per benedire la promessa.

*

Introdotto dal pretore, Predu Maria si mise a raccontare tutta la sua vita; poi disse che era venuto a Nuoro in cerca di lavoro, e riferì a modo suo l’avventura con Sebastiana e le persecuzioni della maestra Saju.

Il Pretore gli domandò se aveva intenzione di sposar la ragazza.

— L’intenzione c’è! Mancano i mezzi!

Egli credette d’esser stato molto furbo nelle sue risposte e uscì rassicurato. E fin verso sera vagò per le straducole dei rioni popolari di Nuoro, incerto se doveva o no recarsi dalla Maestra.

Finalmente attraversò il Corso, risalì un viottolo e si fermò davanti ad un piccolo cancello fatto di rami, al di là del quale stendevasi un orto coltivato a legumi e circondato da un muricciuolo a secco. A sinistra del cancello, in fondo a un piccolo viale sorgeva una casetta a un