Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 174 —

della mia voce: tuttavia commentò, non senza beffa:

— Sarà allora come il banchetto di Nerone, narrato da Petronio nel Satyricon, o meglio ancora come quelli di Bonifacio II, padre della celebre contessa Matilde, che mentre i duchi della sua Corte sedevano a tavola, permetteva che il popolo attingesse vino dai pozzi colmati apposta per l’occasione. Però, — aggiunse, mutando voce e accento, e ripiegandosi dal suo momentaneo eccitamento — io preferisco ricordare il banchetto che la sua mamma mi offrì quella sera.

«Ci siamo,» pensai; e di nuovo un malessere quasi fisico mi stordì; ma volli subito affrontare il fantasma dei vani ricordi:

— Povera mamma! Era la sua unica ambizione, quella di fare bella figura con gli ospiti: ma lo faceva di tutto cuore.

— Io poi ero un ospite speciale, dica la verità: oramai la si può dire.

Io rispondo quasi suggestionata: — È vero.