Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 218 —

dell’avventura. E l’ho veduta. E sarebbe stata una brutta fine, per tutti, se non avessi mandato il Fanti a cercarti.



Adesso, finalmente, le lagrime sgorgarono silenziose dai miei occhi e mi purificarono il viso. Ma le labbra rimasero chiuse: poiché solo il pianto che scaturisce dall’anima meravigliata del mistero che guida le vicende umane può esprimere questa meraviglia.

Solo allora egli mi sfiorò con le dita le palpebre, come ad un morto del quale si chiudono pietosamente gli occhi: e invero qualche cosa moriva in me, quella notte: la parte cattiva e orgogliosa del mio essere; quella che credeva di fare il bene ed invece seminava il male.

Egli concluse:

— Adesso basta: non si parli mai più di questo.