Pagina:Deledda - Il segreto dell'uomo solitario, 1921.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 99 —


cando di non farsi scorgere dalla padrona che sta dietro la finestra nella camera del malato.

L’uomo si turba, abbassa gli occhi: non per il sorriso della serva, ma perchè s’illude che la padrona, dietro la finestra, stia a spiare il suo ritorno.

Ella infatti gli corse incontro fino all’ingresso e lo pregò di salire con lei.

— Guardi, — disse, scoprendo il malato che, al suo solito, si teneva nascosto sotto la coperta. — D’un tratto è diventato così.

Il malato sembrava un altro, tutto gonfio, col viso rosso e come d’improvviso comicamente ingrassato. Sarina gli premè un dito sulla mano, e sulla carne rimase un buco violastro: poi ella strinse fra le sue quella mano grossa, d’una grossezza molle, come piena d’acqua.

— Giorgio! Giorgio!

Il malato tentò di sollevare le palpebre gonfie: apparvero e disparvero gli occhi azzurri, spauriti, ma d’un terrore cosciente e rassegnato: e Cristiano ricordò di aver sentito dire che i pazzi quando stanno per morire riacquistano la ragione.

Subito però si disilluse: il malato tentava ancora di morsecchiare la mano che gli sfiorava il viso: e parole incomprensibili gli uscivano di bocca, con un mugolìo