Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Il leone 265

sue occupazioni l’amicizia per noi sbiadisse o magari si cancellasse del tutto.

Un giorno però egli venne in persona a portare i biglietti d’invito per l’inaugurazione della mostra, e la domestica, fedele alla sua consegna, non lo lasciò entrare.

La sera stessa parecchie persone vennero a domandare notizie della mia salute. La mia salute era ottima, e non sapevo a che attribuire tanta premura in gente che credevo indifferente, quando la serva mi spiegò:

— Sa, poichè quel signore insisteva per sapere notizie di lei gli dissi che era gravemente malata.

— Facciamo gli scongiuri, — dico io; ma realmente comincio a sentire un certo malessere quando so che la notizia si è rapidamente diffusa nella città e fuori. Arrivano lettere e telegrammi di amici e parenti; i fornitori domandano alla serva se è vero che il Papa mi ha mandato la sua speciale benedizione: persino la signora X, che ce l’ha con me a morte per la sola innocente ragione che al suo giovine figlio scrittore di novelle i giornali non concedono un adeguato compenso, persino lei s’impietosisce e domanda se c‘è probabilità di salvarmi.

Di giorno in giorno la malattia si aggrava e si complica; e deve essere veramente eccezionale perchè nessuno sa dirne il nome.