Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La terrazza fiorita di rose 53

gura di donna, tutta vestita di nero, con un fazzoletto nero legato a benda intorno alla testa, stava seduta immobile sul paracarri della strada e guardava verso la valle. Dall’altra parte della strada la villetta appariva silenziosa, con solo qualche finestra all’ultimo piano, dove dormiva la servitù, debolmente illuminata: pareva che già tutti si fossero ritirati, ma quando i due amici si avvicinarono al cancello, Beniamino si meravigliò di trovarlo socchiuso.

Pratico del luogo andò avanti per il viale d’ingresso, e vide la terrazza al primo piano, nascosta fra gli alberi, con le vetrate aperte e illuminata; e anche lassù, fra le ghirlande di rose rampicanti che salivano dalle colonne del portichetto sottostante, una figurina bianca di donna, seduta accanto alla balaustrata, appariva immobile nell’incanto della notte.

— È lei, dev’essere lei, — dice sottovoce Beniamino, piegandosi sul compagno. — Quella è la camera che nonnina di solito assegna agli ospiti. E quante volte mi sono arrampicato dal portico alla terrazza per entrare di sorpresa dalla mia mamma.

— Perchè non lo fai ancora? Forse lei ti aspetta, — dice l’altro, fra il serio e il beffardo.

Un attimo; e il cuore di Beniamino palpita come quello del principe che vuol rapire la bella prigioniera dell’orco. Gli antichi istinti di animale rampicante si ridestano nelle sue