Pagina:Deledda - L'incendio nell'oliveto,1821.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 6 —


Egli aveva poco da raccontare. Era stato dai Mura a passare qualche ora accanto al loro focolare come faceva ogni giorno di qua e di là in casa di tutti i parenti.

Il vecchio Mura era fuori in campagna, il figlio Stefano, che faceva l’avvocato in tribunale.

— D’un tratto zia Paschedda rientra dal cortile, pallida pallida, battendo i denti.

La serva la fece andare a letto; lei non voleva, perchè ha paura che, assente lei, qualcuno le porti via la roba di casa.

Mi pregò di andare a chiamare Stefano, che era in tribunale sebbene non avesse cause da discutere. Ma egli va in Tribunale e in Pretura per passare il tempo.

E quando è in casa non bada a niente; legge sempre e poi guarda in su. Annarosa....

S’interruppe e s’irrigidì, quasi spaventato, perchè da una camera attigua s’avanzava la cognata.

Alta e forte, con la testa di una bellezza energica, incoronata da un diadema di grosse trecce nere, ella era tale davvero da far intimidire con la sua sola presenza; eppure anche lei si avanzò lieve, silenziosa, fermandosi timida accanto alla vecchia e guardando il cognato senza osare d’interrogarlo.