Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 139 —


starvi e farvi perdere il tempo; ma in cambio potrò anch’io esservi utile: venite stasera a mangiare con me: ho poco, in casa, ma quel poco saprò moltiplicarlo come faceva Gesù. Bisogna però che voi mi procuriate il vino.

— Il vino ce l’abbiamo, — disse l’anziano, mentre il fratello continuava a zappare accigliato e silenzioso: — è leggerino, ma buono.

— Niente, niente: voglio del vino generoso, che rinforzi il sangue. C’è, mi pare, un’osteria qui al crocicchio. Se non vi disturba andrete a prenderne due fiaschi.

— Gesù Maria! Lei vuole mandarci all’altro mondo!

— Ci andremo assieme, se mai, — egli disse, e diede all’uomo i denari per il vino. — Che dite, Gesuino; rispondete, per piacere. Verrete o no?

— Ma si! — brontolò Gesuino, senza voltarsi.

— Oh, finalmente abbiamo sentito il suono della vostra voce. E adesso andiamo a preparare il banchetto.