Pagina:Deledda - La fuga in Egitto, 1926.djvu/209

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 203 —
Ritaglio separatore capitoli grappolo.jpg

Fu il principio di una specie di seduzione. Come il serpente al suono del flauto del selvaggio che lo vuol prendere, ella s’avvicinava al maestro nel sentire i racconti di quel paese lontano.

Sopratutto la interessavano i cacciatori che d’estate e d’inverno penetrano la foresta e ne scovano le bestie quasi feroci, come il cinghiale e il lupo, non senza il pericolo di diventare a loro volta selvaggina.

— Ci sarà anche il lupo mannaro, quello che si trasforma in uomo, — disse una volta; e il maestro ricordò che anche Ola credeva all’esistenza di questi animali misteriosi con i quali le mentalità primitive si spiegano ancora la ferocia dell’uomo.

— È l’uomo che spesso si trasforma in lupo, — spiegò non senza ironia; ma lei non capiva neppure lontanamente certe cose, e al simbolo sovrapponeva sempre la realtà.

— Ma come fa a trasformarsi? Io poco ci credo, a queste cose.