Pagina:Deledda - La giustizia, Milano, Treves, 1929.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 27 —

della bassezza dei sentimenti suoi e del padre contro Maria, e lo investì un’ondata di gelo e di vergogna. E vergogna sentì anche per non aver potuto confessare il vero e delicato motivo della sua visita.

Intanto la conversazione proseguiva piana e cordiale; ma ad un tratto Maria disse con semplicità:

— Io credo che il Porri dica il falso. Gli avete forse promesso qualche cosa voi, tu o tuo padre? Ha la vostra tanca di Nuraghe rujos in affitto....

Stefano, che poche ore prima riteneva la cognata capace di tutto per vendicare il marito, ora ebbe scrupolo di palesarle ogni cosa e disse:

— Non credo sia falso: almeno noi non gli abbiamo promesso nulla....

— Io credo sia falso invece! — ripetè ella più convinta. — Sarebbe meglio lasciarlo stare; non è un tipo che mi va.

— Neanche a me; ma parlane con tua madre tuttavia....

Il padre di lei contava poco: in casa faceva e disfaceva tutto la madre, donna Maurizia, un altro tipo caparbio e ostinato, sulla cui fisionomia maschile non mancava neppure un paio di baffetti neri. Quella sera aveva malamente permesso a Maria di ricevere il cognato,