Pagina:Deledda - La giustizia, Milano, Treves, 1929.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 79 —

del villaggio, delle acque, dei noci sussurranti nel vespero sereno, la lucerna crepitava mandando una viva luce per la stanza sempre seria e pura.

Stefano si mise ancora a ridere fanciullescamente, senza un plausibile motivo; lo divertiva la curiosa e imbarazzante situazione e sentiva i nervi scossi, ma gaiamente, quasi vibranti per la dolce stanchezza della passeggiata, per il presentimento della nuova vita forte e salutare che fra poco lo avrebbe rinvigorito.

— Cosa avete, babbo? Siete molto stanco? Volete qualche cosa? Di’, Maria, hai ancora di quel vino famoso?

E rideva maliziosamente, chinando il viso per guardar meglio suo padre.

— Sa, donna Maurizia, l’ho pagata cara, può dirglielo Maria; ma la colpa è stata tutta di sua figlia....

— Perchè di mia figlia? — domandò freddamente donna Maurizia.

— È stata lei a farmi bere! Il vino scendeva giù limpido e dolce come il miele, ed io credevo si facesse per burla. Invece....

— Io? Io? Che colpa ne avevo io? Se tu non avessi voluto! Che dite voi? — si difese Maria, rivolta al suocero.

Don Piane aveva il viso illuminato: da qualche momento vedeva la zampetta chiara di Mi-