Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 la via del male

del suo profilo acquilino vagava sulla parete come il profilo d’un uccello di rapina.

Maligne visioni apparivano: ecco, zia Luisa rideva di gioia; il suo insolito riso aveva qualcosa di lugubre, quasi d’osceno; il suo fuso cigolava, emetteva uno stridio misterioso come di porta arrugginita che s’apra lentamente; zio Nicola raccontava le sue antiche avventure amorose, con particolari voluttuosi, e Pietro si sentiva ardere di desiderio. Ma d’improvviso tutto taceva: le figure dei padroni sparivano, il fuoco si spegneva a poco a poco. E nella penombra rossastra si delineava un gruppo: un uomo e una donna avvinti, con le labbra unite.

Erano loro: Maria e Francesco.

Pietro balzò su, coi pugni stretti, si slanciò, attraverso il focolare, verso l’insopportabile apparizione.

Ma dal pavimento alla parete spruzzata dal chiarore rosso del fuoco semispento si mosse solo, gigantesca e deforme, un’ombra che parve battere e spezzarsi la testa contro il tetto.

Pietro tornò a sedersi per terra e si portò le mani alla testa: sì, gli pareva davvero d’aversela fracassata. Di nuovo udì il galoppo lontano di molti cavalli, un rumore di pietre cadenti su pietre: e il sangue gli velò ancora gli occhi.

Un lieve rumore nel cortile lo richiamò in sè.

— È lei? Oh, se venisse, se mi dicesse: è tutto un sogno, Pietro: eccomi, son tua ancora...

Ella non venne, ma bastò questo momento di speranza per rammollire il cuore del disgraziato.