Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la via del male 191

avrebbe potuto farlo quella stessa sera, mettendosi in agguato dietro il portone del Noina...

Ecco, gli pareva di veder giungere il fidanzato, felice e sicuro; bastava un po’ di coraggio per gettarsi sopra Francesco e strangolarlo. E poi ancora il carcere, la reclusione, il buio eterno in questo e nell’altro modo. Ah, no!

L’idea di ritornare in carcere era così spaventosa, che vinceva la passione e l’odio di Pietro. Egli ricordò le parole di Antine: «Bisogna aspettare l’occasione e profittarne!»

— Sì, — pensò Pietro, — bisogna aspettare!...

E col cuore gonfio e l’anima avvolta d’ombra, si allontanò dalla casa fatale.