Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la via del male 211

questo fu trinciato, il pastore si leccò con disinvoltura le dita, pulì il coltello col tovagliuolo, poi sospirò e si guardò attorno soddisfatto.

Qualche invitato lo applaudì. Lo sposo si rivolse a guardarlo e gridò, in lingua italiana:

— Ma bravo! Bravo, compare; se il re fosse qui presente vi eleggerebbe scalco dei suoi gatti.

Tutti risero, fuorchè Sabina per dolore, zia Luisa per decoro e Maria per dispetto; sì, ella cominciava a stizzirsi nel veder Francesco bere un po’ troppo. Pietro ne avrebbe certamente riso.

Il largo piatto col porchetto fece il giro della tavola; e Francesco, frugandovi a lungo, procurò per Maria i rognoni che tagliò a pezzetti e coprì di sale.

La sposa respinse con grazia la forchetta che Francesco le porgeva.

— Non ho voglia: basta.

Ma egli le mise in bocca un pezzetto di rognone: ella dovette mangiarlo, ma si stizzì alquanto.

— Va, lasciami in pace!

— Maria, ti ho offeso? — egli le chiese, fingendo un grave dispiacere. — Maria!...

— Eh, non piangere per questo! Piuttosto... — ella mormorò, rattenendo la mano ch’egli tendeva verso il bicchiere, — mi farai il piacere di non bere oltre...

— Ah, tu hai paura che m’addormenti? — egli disse, guardandola maliziosamente. — Ebbene, no, non berrò più. Più, per oggi, più, più!