Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 la via del male

mente, come l’albero accarezzato dalla brezza; guardava la bocca della sposa e provava la gioia dello assetato che avvicina le labbra allo zampillo della fontana...

Ma ella guardava lontano, ed i suoi occhi splendevano d’una luce vaga, che sembrava il riflesso del cielo e forse era il riflesso d’un sogno triste...

Pietro intanto era risalito nella stanza ove zio Nicola s’ostinava a tentare ancora qualche verso.

— I tempi cambiano, — disse il contadino anziano dai vino roseo e la barba nera. — Un tempo si cantava fino alla mezzanotte, o almeno finchè gli sposi si ritiravano, e si ballava molto, anche. Ora i giovani son fiacchi, la gente è stanca e non ama divertirsi. Le nozze sembrano funerali.

— Ho anche osservato una cosa, — disse il pastore che aveva trinciato il porchetto arrostito. — Un tempo si usava baciare la sposa sulle guancie, e qualche burlone la baciava anche sulla bocca. Ora niente: pare si abbia paura. Nessuno ha baciato Maria.

— Voglio baciarla io, — esclamò il contadino, battendo le mani. — È vero che bisogna baciarla mentre le si fa un dono. Il dono io gliel’ho già fatto, ma il bacio lo voglio ancora...

— Ebbene, se la baci tu la bacio anch’io, — disse il giovine proprietario.

— Francesco Rosana vi romperà le costole.

— Un corno! E che non è usanza antica? Sua madre, quando si sposò, fu baciata da tutti gl’invitati.