Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
236 la via del male

parti? Le pareva d’averlo ben riconosciuto; sì, era lui, alto e svelto, con la sua sopragiacca di pelle giallognola; nessun altro paesano nuorese aveva il portamento fiero di Pietro Benu, ed ella poteva ben riconoscerlo anche al chiaro di luna e in lontananza.

Ma dopo un momento ella si scosse, guardò ancora, ascoltò. Niente, nessuno. La pace infinita della notte lunare stendevasi sulle tancas solitarie: all’ombra delle macchie le lucciole verdognole splendevano: fra l’erba i grilli trillavano la loro interminabile serenata.

— No, mi sono ingannata, — pensò Maria; e ritornò verso la capanna.

Una vaga inquietudine la spingeva; accese il lume e preparò tutto per la cena, ma ogni piccolo rumore la turbava.

Francesco non tardò a ritornare.

— Nessuna traccia della vacca, — egli disse, adirato. — Vedrai che non si ritroverà. Ah, la finiremo male con Turulia: egli è veramente un nibbio.

— Che colpa ne ha lui?

— Che colpa? Glielo spiegherò io. Girano certe figure da queste parti!

Maria non osò dire che aveva creduto di veder Pietro.

Francesco le disse:

— Anche ai pastori vicini sono stati, in questi ultimi tempi, rubati tori e vacche. Ci deve essere una vera associazione: banditi e malfattori che se la intendono con qualche servo pastore, e naturalmente anche con questo famoso nibbio...