Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/280

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
278 la via del male


Pietro versò il vino, un po' del quale si sparse per terra. L’Antino esclamò: — Allegria ! Dunque, domanderai a Maria Noina se vuol essere la madrina. Buona fortuna. Pietro scosse la testa, e sollevò il bicchiere: il suo viso era diventato triste. — Non scherzare, diavolo; sai che non mi piace... Piuttosto, dimmi: puoi prestarmi altri duecento scudi?... — Io volevo chiederli a te! — Lasciamo gli scherzi, - ripetè Pietro, - ho davvero bisogno di denaro. Tu sai che il mio capitale è ben meschino, mentre la gente crede ch’io stia per diventar ricco... — Tu puoi diventarlo: perchè non ti decidi a sposarla?... Ora parlo sul serio, Pietro! — Io? Ma io l'avrei sposata un milione di volte. Però ho paura. Non che ella mi rifiuti! Oh, no; se io volessi! Ella è ora come la fogliolina ancora piegata che aspetta un po’ di sole per aprirsi, - disse Pietro, riunendo e poi spiegando le dita. - Se io volessi! Basterebbe guardarla, e tante, tante volte io tremo tutto vicino a lei, ma non oso... È presto ancora. — Bene, aspetta allora a quando la foglia sarà secca! A quando sarete vecchi entrambi!... Vedi, tu mi fai arrabbiare. Pietro, - esclamò l’altro, battendo il bicchiere sul tavolo. - Vedrai, anche questa volta ti accadrà... come la prima volta. Tu mi hai raccontato quanto sei stato stupido... — Non ricordarmi... - disse Pietro, morsicandosi il pugno. - Taci.