Pagina:Deledda - Marianna Sirca, 1915.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 130 —

dapprima s’irritò, poi cominciò ad inquietarsi. Quando vide il sole sorgere dal mare si decise a rimettersi in cammino, solo: dopo tutto forse era meglio che la sorte lo avesse liberato del compagno: ma eccolo che ritorna, con un involto nero sotto il braccio, calmo come un servo che è stato a fare una commissione.

Simone svolse i cappotti, li sbattè, li guardò da una parte e dall’altra e se ne misurò uno: andava bene, era largo, copriva la sua sopragiacca, e il cappuccio gli calava fino al naso.

— Qui dentro ci sta una chiesa coi santi e tutto, — disse, mentre Costantino guardava triste e invece pareva sorridesse. — Misura il tuo.

— L’ho già misurato.

Simone si tolse il cappotto e lo sbattè di nuovo prima di ripiegarlo stretto: e gli uccelli volarono via dalle macchie attorno, scintillando nell’aria azzurra.