Pagina:Deledda - Marianna Sirca, 1915.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 132 —

io benderò la vecchia perchè non ti riconosca: e ti giuro sul nome di mia madre che non le farò del male. E adesso ascoltami; tu resta qui; io andrò ad esplorare lassù intorno.

Erano arrivati ad una regione strana, melanconica; il mare era scomparso all’orizzonte e oltre la brughiera, a sinistra verso l’interno dell’isola, sorgeva una catena di colline nerastre dentellate come scogli, ma fra un dente e l’altro s’affacciavano cime azzurre di monti lontani che lasciavano indovinare dietro la muraglia scura un paese più vago e fresco.

Di qua tutto era triste nella desolazione della brughiera che si arrampicava fino alle falde delle collinette brune. Sulle alture sorgeva qualche stazzo: casette grigie o imbiancate con la calce, in mezzo a recinti di lentischio o di fichi d’India, silenziose e come abbandonate. Una di queste, fra due piccole valli rocciose sopra un ciglione rafforzato da muri a secco, bianca e dritta come un piccolo castello, era la casa del prete.

Simone dunque s’avviò, lasciando Costan-