Pagina:Deledda - Marianna Sirca, 1915.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 25 —


Per dimostrare che neppure il vino, che è uno dei peggiori nemici del bandito, gli faceva paura, Simone bevette: e continuava a fissare Marianna, al disopra della tazza.

— Marianna, e che è accaduto di te in tutto questo tempo? Non pensi a prendere marito?

— Sceglie, — rispose per lei Sebastiano, — li sceglie come si scelgono le pere selvatiche in cerca di quella matura!

Lei non rispose: raccolse nel cestino il pane, i piatti, il tagliere e porse tutto al servo perchè sparecchiasse: poi si alzò e ripose qualche oggetto; e poichè Sebastiano scherzava dicendo che zio Berte avrebbe dovuto sposarsi con Fidela la serva del canonico, poichè era questa a impedire col suo esempio a Marianna di sposarsi, ella uscì nello spiazzo e fece alcuni passi.

La notte era calda e chiara; le stelle rasenti al bosco parevano così vicine da poterle toccare, e tutto, erbe, foglie, fiori, odorava dolcemente. Marianna non si sentiva offesa per gli scherzi del cugino; solo le