Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/369

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
342 PARTE

chè la prima resta piccola e stentata, ed il secondo se non muore immaturo non viene da nulla; ciò che decide con evidenza che in quest’età, tanto l’una che l’altra specie è immatura e sterile.

La maggior parte delle Cavalle coperte di tre anni restano sode, e non poche anche di quest’età figliano a bene, e qualche volta anche ne ho vedute figliare a doppio, ed i loro prodotti riescono d’ottima qualità, non meno del frutto di pianta tenera, quantunque dipoi sia molto migliore tanto nell’una, che nell’altra, venute in maggior età, quello che producono allora, e questo segue senza che nè l’una, nè l’altre risentano detrimento alcuno dalla produzione del frutto, come è una riprova sicura la felicità, con la quale seguitano a crescere sino al perfetto compimento della propria loro naturale costruzione, e stato.

Il restar sode l’une, ed il figliar dell’altre depende dall’esser le prime ancora immature, e dall’essersi nelle seconde formata più presto la complessione, e però quelle sono anche sterili, e queste sono giunte al grado di poter concepire.

Dal sottomettere le Polledre di tre anni allo stallone si ricava tre vantaggi; il primo è il frutto di più che si ritrae da quelle che figliano: il secondo che figliando in sì tenera età si rendono più capaci dipoi a genera-