Pagina:Della Nuova Istoria.djvu/403

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

53

co, come uomo virtuoso, se la passione qualche rara fiata traviollo, ben presto ritornò egli al dovere. Deesi compiangere il suo errore, ma giudicare della sua virtù dietro questo errore medesimo ^ perciocchè la perfetta tolleranza cancella la qualità di nemico. Ora chiederemo noi francamente^ e chi agitato da un religioso fanatismo, men di quest’uomo allentò il freno alla sua passione, o più,, nella sicura arroganza del potere assoluto, seppe alla virtù sottoporla? esaminasi da noi in presente se nell’atto di svellersi un’antichissima fede, c nella procellosa età delle teologiche controversie, un principe passionatamele religioso, tutti serbasse inviolati i diritti di questa gloriosa figlia della ragione, la libertà dei culti, intanto che indarno speriamo trovarla a noi intorno, noi pure nè superstiziosi, nè tampoco caldi credenti, e beati posseditori dell’accumulato frullo di quindici secoli di civiltà e di cognizioni.

Ma il (ettore già avverte come molle cose, pur degne a sapersi, da noi per amore di brevità si Irasandino, e dorrassi a ragione di questa scrittura siccome scarsa alla materia, soverchia all’uopo presente. Non ci arresteremo noi perciò a lungo nel pur ampio teatro della gloria del nostro autore, quale dee dirsi la guerra persiana, ma dopo averne alcune poche cose accennale, il raggiungeremo al passaggio del Tigri, e sotto le mura di Clesifonte, per ammirarne l’infelice valore, e compiangerne la morte immatura.

Sembra ebe in nessun tempo nè il calore del clima, nè la molle e voluttuosa vita che ne ’è il fatai fruito, così snervassero il militare coraggio de’ Persiani, che