Pagina:Della Nuova Istoria.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 ZOSIMO, DELLA NUOVA ISTORIA.

e dai Romani chiamati a battaglia, i barbari, di contro a campo sulla opposta riva, quanti di essi ebberne mezzo valicarono il fiume, e venuti alle prese molti soggiacquero a morte , ed altri caddero in poter del nemico. Il resto addimandata pace, ed ottenutala coll'obbligo di restituire per intiero il bottino ed i prigionieri, non consegnò il tutto. Laonde Probo montato in collera1 mentre si ritiravano fu loro addosso, ed a buon diritto ne pigliò vendetta, molti uccidendone ed impossessandosi del comandante Igillo. Mandò poi nella Britannia i rimasi in vita e caduti nelle sue mani, ove giunti a stabilirsi, ogni volta, che tramate eranvi sedizioni rendeano utili servigi all'imperatore.

Narrate le guerre da Probo sostenute lungo il Reno, è uopo non passar con silenzio neppur quelle dagli Isauri cagionate. Lidio2, Isauro di stirpe e cresciuto ne' ladroneggi, raccolta gente dell'egual suo calibro dava il guasto a tutta la Panfilia e la Licia. Riunitesi le truppe onde toglier di mezzo que' ladroni, egli, conoscendosi nella impossibilità di far petto al Romano esercito, si trasferì a Crimna, città della Licia in dirupato luogo, ed in parte da altissima fossa munita. Rinvenuti di molti ivi a ricovero come in luogo forte e cinto di mura, ed osservato che il nemico intento all'assedio stringeva fortemente il sito, ridussene, atter-

  1. (1) In ispecie poi, consentendovi gli stessi capi, ebbero punigione quanti non restituirono con fedeltà la preda. Vopisco.
  2. (2) Vopisco nomalo Polfurio, aggiungendo che venne arrestato ed ucciso da Probo.