Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92 la sorella


Trinca. Cosí dal flusso e riflusso del mar della vostra fortuna, fra suavi scherzi e vari errori, sète stato ributtato al porto di salute.

Attilio. O madre, o cara madre, o tre volte madre, perchè tre volte m’hai donato l’essere! O cieli troppo potenti, troppo influenti! o stupori, o meraviglie grandi, che da moglie mi diventi sorella e da sorella moglie! Ma Cleria che facea?

Trinca. Piangeva la poverella amarissimamente; e, non potendo esser vostra moglie, purchè fusse amata da voi, si contentava non solo d’esservi sorella, ma umilissima schiava.

Attilio. Dunque Sulpizia è la nostra Cleria sorella? Erotico caro, poichè nelle angustie mi sète stato caro compagno, vo’ che ancora mi siate nelle prospere: non potendo con alcun premio meritar la vostra affezione, vi prometto Cleria per moglie, poichè per bellezza, per etade e per altre nobilissime parti, l’uno è ben degno dell’altra.

Erotico. Voi sempre foste la mettá dell’anima mia; or tutta è vostra, e non ci resta piú alcun’altra parte del mio: e son tutto in anima e in corpo vostro. Perchè dandomi Sulpizia, mi duoni la vita; e posso dir da oggi innanzi ch’io son vivo per voi, e però vivo per voi.

Trinca. Non bisogna che voi ce la promettiate, perchè è sua: che, scovertasi vostra sorella, la balia s’oprò tanto con Costanza e con Pardo, che fusse data a voi; e io ricordando al padrone l’appuntamento di oggi, si son convenuti insieme che sia vostra moglie.

Erotico. O Dio, che nuova!

Attilio. Ed altro che di calze e di giubbone.

Erotico. E perchè mi dai contentezza di tanta importanza, te si prepara nuovo guiderdone, che partecipi delle nostre consolazioni.

Trinca. Or sei contento?

Attilio. E consolato ancora. I miei sensi sono tanto occupati dalla improvisa dolcezza, che non posso gustar piacere dell’allegrezza; e se non muoio or di dolcezza, non morrò piú mai. Che fa mia madre?