Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
312 la tabernaria

uomo che viva; ma ben aventurato e felice che, in questa mia miseria ed infelicitade, la memoria de’ ricevuti favori e la speranza di avere a tornar presto a rivederla son stati saporitissimo cibo alla fame e al digiuno de’ miei pensieri, che agl’incendi miei desideravano rinfrescamento; che s’io avessi voluto con importuna temeritá violar la modestia, la generositá dell’animo suo e il merito del suo amore, arei conseguito da lei quanto desideravo.

Cappio. Per quanto accorger mi potei, ella altro non bersagliava che avervi per isposo.

Giacomino. Ella ha compito il bersaglio, ch’io altro non desidero che averla per moglie.

Cappio. Non so se l’avarizia di vostro padre contenterassi che voi toglieste per moglie una figlia d’un maestro di scola e senza dote.

Giacomino. I suoi costumi e la bellezza son tali che la rendono degna di maggior uomo ch’io non sono, e senza dote. Queste doti apportano piú danno al restituirle che ricchezza quando si prendono. E che maggior tesoro della sua bellezza? Ella ave oro nei capelli, zafiri negli occhi, rubini nelle labra e perle ne’ denti. Qual miniera produsse mai cosí fin oro o sí ricche gioie? O me sopra tutti gli uomini felicissimo, s’io possedessi un tal tesoro!

Cappio. Che ordinate che si facci?

Giacomino. Or che l’assenza di mio padre ci porge la commoditá, vuo’ che subito vadi a Salerno. Tratta con Lima, la sua balia, archivio de’ nostri secreti amorosi, e con Lardone parasito, che oprino appo lei in che luogo ed ora possiamo ritrovarci insieme, acciò possa satollar questi occhi famelici della sua vista. E se pur questo mi negasse, che miri almeno nel mio volto l’opera del suo valore. Del che se tu mi compiaci, ti compiacerai poi d’avermi compiaciuto.

Cappio. Oprar con Lima e con Lardone voi ben sapete che vi bisogna.

Giacomino. Che cosa?

Cappio. Un poco di musica.