Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/337

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 327


Spagnolo. Aqui es menester menar las manos.

Giacomino. Meglio per te che meni i piedi, ch’hai piú bisogno de’ piedi che delle mani.

Spagnolo. Vaiarne Dios, ¿que hombre es este?

Giacomino. Un siciliano indiavolato.

Cappio. Mira che criar, che zanze, che bravositá xe questa. Donca un ladro, mariol, zaffo, razza de zaffi, assassin, gramo, disgraziatazzo, schiuma de canaia, mostazzo de cavra, piegora grinza, ingenerao d’un castronazzo, becco de quattro corna, s’è cazzao in questa osteria da por sottosovra questa casa? Al sangue de le seppie e de mie pantofole, se pongo mano alla cinquedea n’ara cattao la mala ventura: una stoccata che dago dentro il cor, te trarrò la testa in levante e ’l cao in ponente. Ti xe matto, a questa foza se tratta con un zentiluomo veneziano? A ti dico, spagnolo impettolao, pezzo d’aseno, se pi’ stai qua un giozzetto, ti xe morto.

Giacomino. O che terribil veneziano!

Spagnolo. ¡Voto al Cielo que yo soy muerto!

Cappio. Potenz in terra, pò ver spagnol meschinaz, al corpo de mi mader, che se te cazo in tei polmon questo temperarin, ti fare’ tanti busi in tei polmon che non ne ha tanti un crivel, e ti fazo in mille pezzi. Ti venghi il cancher in tel cor, se cercasse in tutto el mondo, en Turcheria, en India e assai pi’ en lá, ti non purisse accattar un oter come mi: mi son auter bravus che ’l sicilian, mi son un oter Rotolan che ammazzi pi’ de trenta omen: va’ via! ah venghi, ah venghi! A chi die mi? partit con tutt’i diavoli del mondo, a chi die mi?

Spagnolo. ¡Dios me libre de tantos mirables hombres!

SCENA IV.

Pedante, Altilia, Lima, Lardone, Cappio.

Pedante. Deo gratias. Giá siamo pervenuti all’antica Palepoli e moderna Napoli, uberrimo seminario degli oci e delle delizie. Salve o terque quaterque bella Napoli!