Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quarto 365

che io n’andassi al Cerriglio per preparargli l’alloggiamento; e per mia mala sorte venendo qui, m’incontrai con Cappio. ...

Limoforo. Chi è questo Cappio?

Lardone. Il servo di Giacomino, l’inventore e l’essecutore di tutte le forfanterie, un che fa veder la luna nel pozzo; e gli fu posto nome Cappio dalla cuna, che durerá finché finirá con un cappio su la forca. ... Tanto fe’ che mi persuase che conducessi Altilia in casa sua; che essendo gito il padre a Posilipo, arebbe trasformata la sua casa in taberna. ...

Pedante. O mirabile excogitatum, o inventum diabolicum: una bestia venir in una stalla di Napoli per accoppiarsi con un’altra bestia!

Lardone. ...Venne Altilia in Napoli; la condussi in casa di Giacomino col suo padre, invece del Cerriglio. ...

Pedante. Ed io inscio et errabundo venni in questa taberna; e fummo ricevuti con sedulo servizio e uberrimo apparato.

Lardone. ... Poi con iscusa di portar le restanti robbe, tornammo a dietro e lasciammo Altilia e la balia nella taberna. Venne allor il padre da Posilipo: fu necessario che sparisse la taberna; e tornando io e il maestro, che non si scoprisse l’astuzia, fummo discacciati dalla casa. ...

Pedante. Per cosí nefando flagizio meritaresti che fussi legato in un asino al roverscio, con le braccia recinte al tergo, disnude, e poi da uno inflammabondo e irabondo carnefice instantemente con un flagello acuto fussi gastigato e con belluina rabie cruentato, adeo ut, usque donec, finché querulo, miserabili eiulatu, efflassi la tua nefanda animula. Ma che prima fusse disradicata la tua insaziabil mandibula infin dalle fauci, che mai potessi abligurire. Ma vegnamo al quatenus.

Lardone. ... Questo è quel peccato del quale v’ho chiesto da prima il perdono e che la gola mi aveva condotto a fare. La qual, ora, è tanto vacua quanto mi pensava che or di soverchio mi doveva esser piena.

Limoforo. Or, perché hai detto il vero, ti si perdoni.

Pedante. Restò dunque Altilia e la balia, la notte, in poter di Giacomino?