Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/401

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quinto 391


Pedante. Or che siamo tutti alacri e ridibondi, chiaminsi i musici, e con sibili tonanti e con belle circumvoluzioni di choree s’onori questa copula matrimoniale.

Giacomino. Sì bene, chiamiamo suoni per i balli.

Giacoco. Basta no vottafuoco, na cètola, no calascione e no zucozuco.

Giacomino. Ci rimediarò ben io.

Giacoco. Auscutatori miei, perché site perzune da bene e me date onore per le vertude vostre, veo ca ve ascevolite de famme. Per darve sfazzione, se volite venire a ciancoliare co nui cosí auto auto, a primo vi cacciarimmo innanzi dui uocchi de tunno, poi vi cacciarimmo lo fecato, le stentine e lo core de puorco, e ve arrostarimmo dintro no fumo na bella porcella, e vi friarrimo dintro na della na bona frittata, e vi bollerimmo dintro no pignatto na foglia maritata, e ve menozzarimmo tutta la carne co la mostarda, e allo dereto ve annegarimmo dintro votte de vino; tal che ve ne iarriti alle case vostre tutti senza uocchie, fecati, stentine e pormoni, arrostiti tutti e bolliti, menuzzati e annegati.

Pedante. Spectatores, valete et plaudite.



fine del volume primo.